Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
sabato 25 maggio 2019 ..::  Antenne » Doublet "Collins-Craft" ::..   Login
Navigazione Sito

Doublet HF per operazinoi portatili

 

ANTENNA FILARE DOUBLET

 

versione

 

 

"COLLINS - CRAFT"


 

 

 

ovvero

 

 

Semplice Antenna filare multibanda per HF

 

 ripresa da un'idea di Mr. L.M. Craft , Collins Radio Co.  (1935)

 


 

La Doublet antenna altro non è che un dipolo multibanda tagliato per la più bassa frequenza di lavoro e alimentato al centro da una linea bifilare da 300 Ohm. Non è certo una novità visto che tale antenna risale agli albori del radiantismo e viene pubblicata da sempre sull'ARRL Antenna Book nella sezione "Multiband antennas". Sul numero di Dicembre 1935 de "The Collins Signal", mensile della Collins Radio Co., fu pubblicata la bella analisi ad opera di L.M. Craft intitolata “Multiband antenna for high frequencies”. In quella occasione l'antenna venne analizzata in modo approfondito, con tanto di misure RF e diagrammi esplicativi.  La Doublet infatti è un'antenna dipolo che basa il suo "segreto" nella sua lunghezza fisica e nella bassa perdita della linea di alimentazione. In buona sostanza l'articolo della Collins afferma che un dipolo per gli 80m ha un'impedenza di 75 ohm in corrispondenza della mezz'onda (3.5 MHz) e poi sulla terza, quinta ecc. armonica. Per contro, esso mostra un'impedenza di 1200 Ohm nei casi dove la lunghezza fisica del dipolo corrisponde da lunghezze di onde intere o multipli di essa (1 lambda, 2 lambda ecc...). Quindi il dipolo può mostrare al suo centro geometrico un'impedenza compresa tra un minimo di 75 ad un massimo di 1200 Ohm. Sempre secondo la Collins, il miglior modo di rendere questo dipolo multibanda consiste nell'alimentarlo tramite una linea bifilare di impedenza caratteristica di 300 Ohm. Questo valore è studiato in modo da contenere al minimo le perdite e non rendere critica l'alimentazione usando impedenze di linea più alte. Nelle condizioni di perfetta sintonia si hanno correnti uguali ma di senso opposto sui conduttori della linea, per cui il campo risultante è nullo e la linea non irradia. Quando si impega un transmatch il rendimento dell'antenna è legato alla sua lunghezza fisica e non conta niente la lunghezza della linea di alimentazione. Nel mio caso la Doublet è lunga 40 metri totali ed alimentata da 20 metri di linea bifilare a 300 Ohm.

 

 DETTAGLI COSTRUTTIVI

 

 

 

Per ovvi motivi di trasporto e praticità di dispiegamento i due semidipoli sono avvolti su avvolgicavo militari che, in caso di spazio limitato, possono essere lasciati parzialmente avvolti alle estemità dell'antenna anche durante le operazioni radio. Normalmente infatti io opero con la configurazione "MODEL G", quindi con antenna di 103ft. (31 metri).

 

Antenna in assetto da trasporto

 

La linea bifilare a 300 Ohm è di tipo "black ribbon" ("a nastro"), leggera, maneggevole ed è fabbricata dalla DX-WIRE tedesca. Le perdite della linea bifilare in regime di onde stazionarie sono veramente minime con un’efficienza del 98%. L'impiego operativo con un moderno RTX avviene tramite accordatore provvisto di balun 4:1 (oppure un comune accordatore munito di balun esterno 4:1) in modo da adattare l’ingresso sbilanciato della nostra radio alla linea bilanciata di questa antenna.

 

 

 

 

Attualmente impiego la mia valiga go-box equipaggiata di YAESU FT-857D e tuner automatico MFJ-993B.

 

La mia Go-Box radio in azione


 

I materiali usati per la mia Doublet sono:

Conduttore: DX-WIRE UL (ultra-light)

Linea bifilare: DX-WIRE 300 ohm twin-lead

 

La sintonia dell'antenna va effettuata ogni volta che si cambia banda o ci si sposta di alcune decine di kHz. Normalmente si riesce a trovare SWR di 1:1 su tutte le bande radiantistiche.

Le misure dell'antenna non sono critiche; teoricamente la Doublet per avere la massima efficenza deve essere lunga mezz'onda sulla gamma più bassa che si intende attivare. Ma anche con soli 15 metri per braccio si opera tranquillamente dai 60m in su con discreti risultati anche in 80m. Le caratteristiche di irradiazione della Doublet non si discostano da quelle di un dipolo alimentato in bassa impedenza, per cui le prestazioni sono ottime. L'altezza gioca il suo importante ruolo, pertanto come tutti i dipoli NVIS andrebbe installata ad un'altezza minima non inferiore a 0.1 lamba dal terreno (della banda più bassa), quindi a non meno di 8 metri supponendo come banda più bassa quella degli 80 metri. Tuttavia anche ad altezze di poco inferiori le sue prestazioni NVIS non sono compromesse e può offrire ottime soddisfazioni già a 5 metri da suolo. Questa antenna è stata collaudata con successo durante le operazioni radio dalla Scuola Elementare S. Gordiano. Successivamente ho condotto diversi test NVIS dal comprensorio Lazio nord (Tuscia) collegando con ottimi segnali tutte le stazioni italiane ascoltate in 40m e 80m. In particolare non ho mai mancato di collegare la mia città (Civitavecchia) in 80m SSB, garantendomi un link HF con la stazione base IQ0HL/0. Quindi posso spostarmi dovunque nella mia Regione e avere sempre la possibilità di comunicare con il mio QTH. Recentemente la Doublet da 40 metri è stata impiegata con successo durante l'International Marconi Day 2019 permettendomi di collegare oltre 150 stazioni dagli 80m fino ai 15 metri, USA compresi.


 

Doublet di 40m a inverted Vee - Forte Michelangelo, Civitavecchia

 

Doublet all'opera sul Lago di Bolsena - NVIS 80m SSB by IK0IXI/P

L'altezza del palo (ex militare) è di 7.20 metri ed è in vetroresina

 

La Doublet costituisce quindi un'ottima antenna per le operazioni HF portatili, sia in caso di emergenza che per scopo ludico (vacanze, attivazioni, contest). Facilmente costruibile anche sul campo, la Doublet è un'antenna multibanda da tenere sempre presente per attivare velocemente ed efficacemente una stazione HF portatile.

 

ARTICOLO ORIGINALE COLLINS, Dicembre 1935

 

Fabio Bonucci, IK0IXI

 

Copyright (c)   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation