Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
mercoledì 26 luglio 2017 ..::  Antenne » End Fed ::..   Login
Navigazione Sito

END FED - Antenna per HF portatile e non

 

END FED

 

 

Antenna HF per attività portatile e non solo

 


Lo scopo era quello di realizzare e sperimentare un'antenna HF per il campeggio, la quale potesse avere le seguenti specifiche:

 

1) Costruita in modo filare per essere facilmente riposta in macchina

2) Non essere troppo lunga per non invadere troppo la location

3) Essere comoda da alimentare operando da una casa mobile con rtx e tuner

4) Avere una resa accettabile per i collegamenti nazionali in 40m

 

A queste caratteristiche ha risposto benissimo l'antenna che descrivo in questo articolo.

 

Questa è un’antenna filare End Fed lunga 16,2 metri e alimentata tramite un trasformatore a toroide UNUN con rapporto 9:1. Sostanzialmente funziona sull principio della "Zeppelin End Fed" rintracciabile su tutti gli Handbook americani, ma anzichè usare una linea bifilare da 450 Ohm sintonizzata alla base, questa antenna impiega come discesa del normale cavo coassiale a 50 Ohm. Il trasformatore 9:1 serve per alimentare in tensione (Voltage Fed) il conduttore mezz'onda. La misura particolare di 16.2 m, almeno in teoria, dovrebbe garantire il funzionamento multibanda. Ma di norma la Zepp-Fed è un'antenna mezz'onda sulla banda più bassa di utilizzo e funziona in armonica sulle gamme superiori.

 

LAVORO

Ho quindi costruito il semplice trasformatore toroidale in una scatola per impianti elettrici, impiegando il solito T-200-2 rosso e del filo smaltato da 0.8mm avvolgendone 9 spire trifilari.

 

 

 

Ho poi preparato il conduttore in rame da 1.5 mmq della necessaria lunghezza e gli isolatori. Ho anche predisposto un RF CHOKE, costituito da 10 spire di RG-58 diametro 30cm, per prevenire eventuali rientri di RF in stazione.

 

 

Come principio di funzionamento, questa antenna consta in un conduttore di lunghezza opportuna portato in risonanza ed adattamento mediante trasformazione di impedenza larga banda verso il basso (UNUN) e sintonizzazione artificiale (TUNER). Un conduttore di tale lunghezza presenta infatti un’impedenza di media entità (circa 450 Ohm) su molte bande radiantistiche e il trasformatore 9:1 permette di abbassarla di 9 volte fino a un livello prossimo ai 50 Ohm. Il Tuner permette di trovare l’esatta risonanza alla frequenza di interesse. Grazie alle basse perdite di adattamento, questo radiatore riesce a mantenere una certa efficienza a largo spettro, costituendo in qualche modo un’antenna sufficientemente performante su diverse bande. Per piccoli spazi o per attività “stealth” credo ci siano poche antenne migliori di questa. Devo dire infatti che l’antenna ha funzionato bene non appena installata al campeggio questa estate, dando subito la sensazione di essere discretamente efficiente. Tramite un Tuner MFJ-971 ho trovato dei punti di accordo praticamente su tutte le bande con un SWR che non supera mai 1 : 1.5.

 

 

 

Si riesce ad operare bene sui 40m/30m/20m e 17m dove ho fatto parecchi QSO. Pur trovando accordo anche in 80m, non ho fatto QSO su questa banda. A differenza di alcuni articoli trovati sul web, io ho trovato la necessità di inserire un contrappeso. Mi sono infatti accorto che dopo alcuni minuti di trasmissione in CW a circa 50W, il ROS saliva sensibilmente. Quando poi riprendevo la trasmissione dopo un periodo di ascolto, la cosa si ripeteva. Aggiungendo un contrappeso collegato alla terra del toroide lungo circa 10m, il ROS rimane sempre stabile anche dopo lunghi periodi di trasmissione. Probabilmente se si usa l’antenna per il DX o per brevi QSO questo effetto non si evidenzia, ma essendo io un “chiacchierone” in CW le cose cambiano. Sono giunto alla conclusione che il toroide così impiegato si trova a gestire RF stazionaria che lo porta a surriscaldarsi, mentre l’aggiunta del contrappeso permette invece lo smaltimento di tale corrente impedendo questo inconveniente. La presenza del RF CHOKE evita che tale RF trovi la strada verso il trasmettitore, per cui il contrappeso si rende necessario come via di fuga. Se non ci fosse l’RF CHOKE, la RF troverebbe la calza del cavo RG-58 di alimentazione come percorso a bassa impedenza, creando interferenze o malfunzionamenti. Grazie all’RF CHOKE e al contrappeso non ho sofferto di nessun rientro di RF e di nessuna interferenza TVI. Sempre ottimi segnali in ricezione e formidabili rapporti ricevuti nonostante la End Fed sia stata sistemata a non più di 3 metri dal terreno e sotto una fitta vegetazione formata da alberi ad alto fusto. I soliti amici dei 40m CW mi hanno sempre sentito bene e ho fatto lunghi QSO con una stabilità eccellente a tutte le ore. Anche nei DX in 20m non mi posso lamentare, con diverse stazioni oltreoceano sul log, compreso CO2IR da Cuba. Per quel che mi interessava, ho trovato un’antenna molto valida e alternativa alla Doublet sia per il traffico nazionale in 40m che per cogliere collegamenti internazionali e DX.

La stessa antenna è stata in funzione sul mio terrazzo di casa dal Novembre 2013 al Marzo 2014 con gli stessi ottimi risultati. Dal Marzo 2014 l'antenna è stata portata a 38 metri e funziona bene anche in 80m.

 

 

73 Fabio, IK0IXI

Copyright (c)   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation